Princìpi statutari

Statuto di Officinagiuridica - Denominazione e scopo (estratto)

1. Officinagiuridica è una libera associazione, senza fini di lucro, ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile, essa riunisce avvocati che esercitano la libera professione in ambito penale e lavoristico, giuristi, sociologi, economisti e criminologi, giornalisti, scrittori, pubblicisti, sindacalisti, organizzazioni sindacali, associazioni che si riconoscono nelle finalità di Officinagiuridica, o comunque persone che, nel loro ruolo o attività, si siano distinte in relazione agli scopi perseguiti dall'Associazione per come definiti al punto 2) del presente Statuto.

2. Scopo e finalità di Officinagiuridica sono la tutela dei lavoratori non solo con i tradizionali strumenti lavoristici, ma anche attraverso la difesa della legalità nel mondo del lavoro ed in generale nell'economia, quale strumento essenziale per il perseguimento di una giustizia sociale e di una adeguata valorizzazione del lavoro e dei lavoratori che sia conforme ed attuativa dei valori e dei principi della Costituzione Italiana. Lo scopo viene perseguito dall'Associazione promuovendo il contrasto, anche utilizzando gli strumenti dell'ordinamento giuridico penale, dei fenomeni di illegalità, da quelli del singolo datore di lavoro, ai danni dei lavoratori, ai fenomeni socialmente più pericolosi e pervasivi quali le infiltrazioni della criminalità organizzata nell'economia o l'uso sistematico e fraudolento di schemi giuridici in astratto leciti.

3. A tali fini l'associazione si prefigge in concreto di:

a) intraprendere tutte le iniziative, anche in collegamento con altre associazioni ed istituzioni, che si riterranno utili ai fini della tutela dei lavoratori e della difesa della dignità del lavoro e del suo ruolo nella società;

b) promuovere attività di ricerca, dibattiti e convegni, su materie e strumenti utili per il perseguimento delle finalità dell'associazione;

c) intraprendere, anche in collaborazione con altri soggetti, tutte le iniziative di politica del diritto, sul piano dell'iniziativa legislativa come di quella giudiziaria, per promuovere la tutela del lavoro e la legalità nel mondo del lavoro e nell'economia o per contestare iniziative che a qualsiasi livello contrastino con tali obiettivi;

d) svolgere un'attività di informazione e formazione a favore dei soggetti, che a diverso titolo, si occupano della tutela del lavoro;

e) raccogliere e diffondere tra gli avvocati, i giuristi, e i sindacalisti le buone pratiche di uso della leva penale, nelle sue varie articolazioni, per la tutela dei lavoratori e per il contrasto della illegalità nel mondo del lavoro e nell'economia;

f) supportare - con la gestione di un sito web, con la produzione di materiale informativo, con la condivisione di esperienze e strumenti tecnici e processuali - una rete di avvocati che nei diversi territori del paese, in sintonia con le organizzazioni sindacali, intende valorizzare nella propria azione di tutela del lavoro lo strumento penale;

g) costituirsi parte civile nei processi aventi ad oggetto gravi fenomeni di illegalità nel lavoro e nell'economia, e di offrire strumenti per la più efficace tutela legale nell'ambito dei procedimenti penali ai lavoratori, alle Organizzazioni sindacali e agli altri soggetti che si riconoscono nei valori e nelle finalità dell'Associazione;

h) raccogliere finanziamenti e contributi per le finalità di cui ai punti che precedono, nella forma di contributi generici per l'attività dell'associazione, di contributi per la realizzazione di specifiche iniziative, di finanziamenti per l'esecuzione di ricerche;